Category Archives: Ricordi

Estati di campagna

Standard

focacciaSi andava, con mio fratello,
assai stupiti tra le zolle brune dei campi arati.
La nonna di campagna, (che non era la nostra,
algida imprenditrice di città)
diceva: “zercale zercale, c’a te le truvi”.
E le trovavamo, le barbabietole dimenticate,
piccole e nascoste, ma ancora buone per i maiali.

Faceva, la nonna di campagna,
una strana ciambella, con gli acini d’uva rossa
e il mosto, dentro.
Ne tagliava delle gran fette, sulla tovaglia di plastica gialla.
“Mangiala, mangiala, c’a l’√® buna”.
E ci versava il lambrusco leggero, con la schiuma,
che mai a casa si sarebbe potuto.