Category Archives: Uncategorized

Gallette a modo mio

Standard

Continua la pubblicazione delle mie ricette: questa volta ho provato a fare delle gallette dolci senza zucchero, utilizzando della frutta che non mi piace molto: datteri e giuggiole, tipiche da noi in Veneto in questo periodo. Ho aggiunto dei fichi secchi, ma penso che sia possibile variare la frutta a piacimento. Ovviamente parlo di frutta disidratata, a parte le giuggiole che ho usato fresche e belle sode.

Poi ci ho messo i semi di sesamo tostati che adoro e i semi di girasole decorticati.

Ho aggiunto anche un po’ di stevia essiccata, coltivata nel mio terrazzo: ultimamente l’ho sostituita egregiamente allo zucchero mettendone una punta di cucchiaino direttamente mescolata all’orzo nel filtro della caffettiera.

Insomma, le gallette sono uscite gustose e nutrienti, anche con la frutta che non mi piace….si tratta in fondo solo di armonizzare i sapori!

qui il tutorial della ricetta

gallette-a-modo-mio

 

Advertisements

Biscottini all’Anice

Standard

Sarà meglio che inizi a pubblicare qui le mie ricettine casalinghe…. così almeno la volta che voglio rifarle, trovo le dosi giuste!

Stamattina, visto che il temporale notturno ha rinfrescato, ho potuto fare i biscotti, e ho scelto qualcosa di fresco per il mio orzo macchiato a colazione.

la ricetta, semplice semplice, è questa:Biscottini all'anice Tutorial biscottini all’anice

Un lavoretto semplice semplice…

Standard

…adatto a bambini delle scuole primarie (con un piccolo aiuto adulto): basta l’anima in cartone di un rotolo di carta igienica e il cartone ondulato di un pacco di biscotti, un pezzetto di carta, un po’ di adesivo di carta, colla e dei colori acrilici. piegate il cartone e tagliate delle strisce fermandovi a 0,5 cm circa, ridate la forma cilindrica e formate con il rotolo un anello. Fissatelo con il nastro adesivo e fatelo dipingere del colore preferito. Poi arrotolate il cartoncino ondulato per formare la candela, e ritagliate un pezzetto di carta o cartone in forma di fiammella e fatelo dipingere  di giallo e rosso. attaccatelo al centro della “candela” che inserite nel portacandela: il gioco è fatto!

candela

La moltiplicazione dei vestiti!

Standard

Non c’è tutorial perchè io e mia figlia Silvia abbiamo agito un po’ di getto, prese dall’entusiasmo, e nemmeno abbiamo la foto del prima e dopo, ma fidatevi, è stato molto divertente ricavare da un vecchio abito da sera vintage un po’ troppo lungo un miniabito molto “Swinging London” e una gonnellina arricciata.

Per il primo è bastato tagliare dritto e rifare l’orlo, l’abito vintage era già perfetto come misure,

IMG_9616

Per la gonnellina, abbiamo acquistato un elastico alto circa 20 cm della lunghezza della circonferenza fianchi, lo abbiamo cucito e poi svasato con due cuciture sui fianchi dalla misura della circonferenza vita alla misura della circonferenza fianchi. Poi abbiamo cucito la balza ricavata dal tessuto avanzato dall’abito. E’ stato un po’ difficile perché abbiamo dovuto suddividere in parti uguali il tessuto e poi cucirlo all’elastico tendendo questo sotto la macchina da cucire, ma il risultato valeva la pena. che ne dite?

CIMG6373

C’era un tempo…..

Standard

…in cui mi apllicavo all’antica arte del Bonsai…..Essendo la mia manualità artistica poco più che nulla i miei compiti erano principalmente strappare le malerbe, raccogliere le foglie secche e rastrellare la ghiaia; a volte, per necessità, mi era concesso di annaffiare le piante o di defogliare qualche acero, di lavare le radici e di preparare i terricci e i vasi….ma questo dopo un lungo apprendistato!

C’era però un ambito in cui trovavo altri spazi, poichè il mio maestro era di poche parole, preferendo il fare al blaterare. Per questo lasciava a me spesso la stesura dei testi che accompagnavano gli articoli sulle sue opere pubblicate da alcune riviste specializzate o nella fanzine della nostra scuola.

Oggi la serendipità mi ha fatto ritrovare il testo di un lavoro per me molto bello e accurato: “Il giardino di Anicca”: ovviamente testo e foto sono a stampa e perciò ho provato a scansionarli.

Spero risultino leggibili.

Il giardino di Anicca 1Il giardino di Anicca 2